Next Maritime Education day: una fotografia sul futuro del settore marittimo regionale

4 febbraio 2019 in Notizie

L’Università degli Studi di Trieste ha ospitato, lo scorso 31 gennaio, il workshop organizzato da mareFVG “Next Maritime Education Day”, incentrato sul futuro delle tecnologie marittime e sulle modalità che possono consentire al sistema formativo del Friuli Venezia Giulia di rimanere al passo con i fabbisogni delle imprese.

È stata l’occasione per presentare i risultati dell’Osservatorio sui fabbisogni formativi e professionali sviluppato dal Polo Tecnico Professionale dell’Economia del mare PTP Eco MA, del Progetto europeo ASSESS e del Programma NAVIGANDO, oltre che come ricordato sopra dell’analisi delle filiere regionali.

I dati presentati esplicitano un trend positivo dell’occupazione nel breve periodo nelle 73 aziende coinvolte (distribuite nei diversi comparti e in tutte le classi dimensionali), che supera il 5% nel primo anno e si prevede mantenga questo andamento anche nei successivi.  

L’indagine, che ha visto il coinvolgimento di Ires FVG, ConfindustriaVG e Confapi FVG, oltre a mareFVG nel ruolo di coordinamento, ha fatto inoltre emergere le figure professionali maggiormente richieste dalle aziende (dai disegnatori tecnici, agli attrezzisti e frigoristi navali, elettrotecnici, ingegneri navali e meccanici), insieme alla evoluzione di questa domanda nel medio periodo con l’introduzione di nuove priorità e competenze, che evidenziano anche l’evoluzione verso la realtà digitale del prodotto marittimo e dei sistemi del trasporto.

Nella tavola rotonda conclusiva, rappresentanti dell’Amministrazione RFVG, dell’università e della scuola, e delle imprese, si sono confrontati sui risultati degli interventi di alta formazione e di orientamento messi in atto nel corso del 2018 da mareFVG insieme a molti attori del territorio, e sul valore aggiunto prospettico di un investimento attuale in questo settore, evidenziando la necessità che si sviluppi una importante regia regionale al fine di gestire al meglio le risorse disponibili ed offrire alle nuove generazioni la migliore opportunità di crescita professionale, sperabilmente nell’economia del mare.